Adriano Design | Adriano Design espone a Colonia alla mostra CONTEMPORANEITÀ DEL TUTTO
Adriano Design is a Turin based product design studio. Adriano Design è lo studio di progettazione e design del prodotto basato a Torino
Design Studio Turin, Studio Design Torino, Adriano Design, Torino, Turin, Industrial Design, Product Design, Torino Design Studio, Turin Design Studio, Progettazione Torino, Studio Progettazione Torino
2302
post-template-default,single,single-post,postid-2302,single-format-standard,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Adriano Design espone a Colonia alla mostra CONTEMPORANEITÀ DEL TUTTO

  |   News

16.1 _ 16.2 2012 Universitätsstrasse 8150931 Köln Colonia

A CURA DI KURATIERT VON

Alessandro Guerriero, Remo Rapetti, Davide Crippa, Emirjana Bici

ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA COLONIA

in collaborazione con Nuova Accademia di Belle Arti Milano

presenta la mostra:

CONTEMPORANEITÀ DEL TUTTO

 

E’ tempo di tuttoe del suo contrario.

E’ tempo di velocità e di lentezza, di arcaismo e di fantascienza, di artigianato e di grande serie, di occidente e di oriente, di purezza e di violenza e in questo momento enigmatico e problematico dell’Italia si esprimono realismo, durezza, gioco, simpatia, memoria, naturalismo, sogno, sensua-lità, eleganza, kitsch, ecologia, status, tradizione, tutto elaborato con materiali, tecniche e grafie sempre più sofisticati. Oggetti di uso quotidiano si intrecciano con progetti teorici, con il virtuosismo produttivo, con il computer, con gli oggetti storici di opere d’arte. Se da un lato il meccanismo del consumo economico tende a castigare il fruitore in un neo-poverismo visivo dall’altro lato la vocazione innata del sistema all’aumento esponenziale dei prodotti dà luogo a una “sintesi centrifuga” delle caratteristiche eclettiche.La rassegna dei progetti esposti all’Istituto Italiano di Cultura di Colonia intende mostrare il panorama attuale del nostro design nel filone della sua storia che risale al Rinascimento e alla bottega dei maestri architetti, pittori, scultori, artigiani e infine designer di oggetti d’uso. Per questa continuità culturale caratteristica del design italiano, ancora oggi rappresentato soprattutto dal suo aspetto estetico, emotivo e rituale, preferisco parlare di arte applicata anziché di industrial design.Vengono così elencate le più attuali tematiche dibattute dalla cultura progettuale italiana, negli ultimi tempi intrecciata indissolubilmente con quei designer di tutta Europa, stabilmente presenti in Italia, che le danno una nuova dimensione di internazionalità.Alessandro Guerriero

espongono:

Adriano Design, Alchimia, Marina Bani e Marco Penati, Preis Baruffaldi, Baukuh, Paolo Boatti+Manuela Verga+Studio_MK27, Andrea Branzi, Sergio Calatroni, Carlo Ratti Associati, Claudio Cetina, Ailadi Cortelletti, Enzo Cucchi, Andrea Dichiara, Michele Di Monte (con Matteo Bertanelli), Dante Donegani & Giovanni Lauda, Duilio Forte, Fabrizio Galli, Ghigos Ideas, Francesca Grassi, Bruno Gregori, Matteo Guarnaccia, Gumdesign, Maria Christina Hamel, Paolo Imperatori, Ugo La Pietra, Laudani&Romanelli, Mag-ma Architetture, Marc, Attanasio Mazzone, Alberto Meda, Alessandro Mendini, Marcello Morandini, P’arc, Aldo Petillo, Luca Poncellini, Beppe Riboli, Roberto Giulio Rida, Lorenzo Rossi, Cinzia Ruggeri, Salotto Buono, Ettore Sottsass, Soup Studio, stARTT, Tarshito, Paolo Ulian, Enzo Umbaca, Andrea Vecera, Gianni Veneziano e Luciana Di Virgilio, Nicoletta Veronesi, Giulio Vinaccia, Yellow Office, Vered Zaykovsky.